Il fuoco nell’anima – Gianpiero Possieri

Il fuoco nell'anima - Gianpiero PossieriVoto: 7,0

Titolo: Il fuoco nell’anima

Autore: Gianpiero Possieri

Genere: Giallo / Thriller

Editore: Sogno Edizioni, 2011

Consigliato: SI

 

TRAMA ORIGINALE

«Io credo che a volte succedano cose delle quali non abbiamo il controllo. Situazioni imprevedibili che attraversano la nostra esistenza. Quando capitano, siamo portati a compiere delle scelte. Siamo noi quindi, con le nostre decisioni, più o meno inconsce, a essere artefici del nostro destino. E credo anche che la scelta più insignificante sia in grado di influenzare tutta la nostra vita, nel bene e nel male. Può farci prendere strade che mai avremmo immaginato. Può essere una linea di confine fra la fortuna e la sfortuna, fra la vita e la morte».  Carlo, brillante studente e appassionato di criminologia, sognava di diventare un grande scrittore e di conquistare Chiara, sua compagna di classe. Manuel, invece, era animato da una forte passione per il giornalismo. Passano gli anni, Manuel diventa un cronista d’assalto senza scrupoli, Carlo un insegnante di italiano, che nel tempo libero collabora come criminologo per la polizia locale. Un macabro ritrovamento, identico a un altro avvenuto dieci anni prima, cambia per sempre le loro esistenze.  Oggi Carlo trascina la propria vita fra alcool e psicofarmaci, in uno sperduto paese di montagna, passando le giornate di fronte a una grande tela bianca. Ma un giorno Manuel torna a bussare alla sua porta, spettro di un passato che crede sepolto e che lo costringerà a fare i conti col suo destino.

Gianpiero Possieri, l’autore di questo bel romanzo, non c’è più. Una brutta malattia se l’è portato via lo scorso 11 Gennaio. Aveva la mia età. Ci eravamo conosciuti virtualmente in un forum che promuove l’editoria sana, il Writer’s Dream, casa e rifugio per autori esordienti e aspiranti tali. Non ho avuto la fortuna di conoscerlo di persona, ma gli sono grato per i consigli che ha saputo dare a tanti che, come me e come lui, cercano di farsi strada nel difficile mondo delle Case Editrici. Avevo acquistato il suo secondo romanzo, Il fuoco nell’anima, al Pisa Book festival nel 2011, incuriosito dalle tante recensioni positive che aveva ottenuto. Oggi, per caso, ho ripreso in mano questo libro, e mi sono chiesto per buoni dieci minuti se avesse senso scriverne la recensione ora, che sono passati un paio d’anni dalla lettura. E mi sono risposto che sì, un senso ce l’ha e ce l’avrà sempre, perché un libro è un modo per lasciare un segno del nostro passaggio, e scriverne la recensione mi ricorderà che Gianpiero ha comunque toccato anche la mia vita.

La vicenda si svolge in un ventennio, dal 1988 al 2008 e si sviluppa in tre piani temporali distinti. I due protagonisti, Carlo, che sogna di diventare un scrittore di thriller e Manuel, che sogna di diventare un cronista d’assalto, sono amici dai tempi della scuola nel ’88. In questi vent’anni le loro vite si intrecciano e si separano, a causa principalmente dell’arrivismo di Manuel. Suo fratello, Samuel, lavora nella polizia locale e li coinvolgerà in un evento misterioso accaduto nella loro scuola. Evento che si ripeterà poi nel ’98, portando a un tragico epilogo per Carlo. I due protagonisti si ritroveranno infine nel 2008, e vincendo i vecchi dissapori e le reciproche accuse, si metteranno sulle tracce del responsabile dello sconvolgimento delle loro vite, il misterioso Michele.

Devo dire di aver fatto un po’ di fatica all’inizio, per due diversi motivi: la storia non decollava, e i tre piani temporali mi sono risultati un po’ ostici. In alcuni punti ho fatto fatica a distinguere i personaggi e collocarli nel corretto periodo temporale. Dopo circa una cinquantina di pagine, invece, la lettura è stata molto più fluida e coinvolgente. L’intreccio nel complesso funziona, mantiene la suspence e non c’è nulla di banale o scontato. Un paio di appunti: la vendetta di Michele risulta un po’ esagerata, e la scena del ritrovamento in galleria è sì giustamente drammatica, ma forse poco dettagliata.

Molte le chiavi di lettura. Bello il messaggio portato dai due protagonisti: la vita può dividere, ma un’amicizia vera non ha fretta, sa aspettare e resistere e, alla fine, vincere su tutto. Un altro bel messaggio è quello legato a Carlo: non si può fuggire da se stessi. Arriva un momento nella vita, per quanto lo si possa procastinare, in cui si dovrà lottare contro i propri fantasmi. E c’è sempre una seconda possibilità.

Buona l’alternanza tra momenti di riflessione e azioni. Buono anche il mix tra azioni e dialoghi. L’autore riesce a disegnare le scene in maniera chiara senza eccedere nelle descrizioni. Buona anche le chiusure dei capitoli: tengono vivo l’interesse e la voglia di leggere la pagina successiva.
Forse lo stile, soprattutto nei dialoghi, risulta in alcuni punti un po’ troppo “corretto”, poco adatto forse ad un thriller. Sono convinto sia stata una precisa scelta stilistica, ma la concitazione di alcune scene avrebbe forse richiesto un linguaggio un po’ più spinto, anche scurrile in alcuni punti.
Qualche volta i dialoghi mi sono sembrati un po’ affettati e fini a se stessi, soprattutto quando è Carlo a parlare. Anche se, a onor del vero, fa parte del suo personaggio l’essere logorroico.

Carlo è certamente ben descritto e delineato, e risulta decisamente il personaggio principale. Non si riesce a provare simpatia per Manuel che, seppur indirettamente, è la causa della morte della moglie di Carlo. Forse volutamente l’autore non ne ha approfondito carattere e psicologia, ma così ìl lettore non riesce a perdonare il suo arrivismo. La psicologia di Michele avrebbe invece meritato un approfondimento: non facendolo, il lettore dà una spiegazione puramente razionale alla sua vendetta. E, in quest’ottica, risulta poco credibile o quantomeno fortemente esagerata.

Nel complesso è un bel thriller e il finale chiude perfettamente il cerchio. Mi spiace non potermi aspettare un’altra opera di questo autore. Mi spiace un sacco. Gianpiero aveva un nick name nel forum dove l’ho conosciuto e dove sarà per sempre una celebrità, ed è con quel nome che vorrei salutarlo: ciao Jack.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.